15 libri belli (e uno “perfetto”) che ho letto nel primo semestre 2017

15 libri belli (e uno “perfetto”) che ho letto nel primo semestre 2017

Eccoci qui con il consueto appuntamento semestrale con i libri più belli che ho letto negli ultimi mesi.

Lo so che di solito si usa indicare la Top 10, però un po’ perché a me piace fare le cose in modo insolito, un po’ perché ho letto veramente tanto in questi mesi, ve ne propongo addirittura 15 (più uno), rigorosamente in ordine cronologico di lettura e non di preferenza.

1) Il tè nel deserto – Paul Bowles. Un classicone che non potete non leggere se state pianificando un viaggio in Nord Africa, io l’ho letto durante il viaggio in Marocco, visitando addirittura alcuni dei luoghi utilizzati come set da Bertolucci nel cult movie ispirato al romanzo.

2) Luce d’estate ed è subito notte – Jón K. Stefánsson. Dal Marocco all’Islanda il passaggio è breve. Da un viaggio appena finito a uno pianificato per l’estate. Se anche voi, come me, state per partire per la terra del ghiaccio e del fuoco, questa è una lettura imprenscindibile.

3) Zanne: L’eredità del cane – Piero De Fazio (leggi l’intervista). Difficile dire qualcosa che non sia già stato detto su Piero: sorprendente scrittore di noir / fantasy, irriverente autore della Posta del Fegato, amico dei potenti e nemico degli infami, ma soprattutto un “grande” romanziere (in senso letterario ovviamente).

4) L’orizzonte, ogni giorno, un po’ più in là – Claudio Pelizzeni (leggi l’intervista). Il giro del mondo in 1000 giorni senza prendere aerei, uno straordinario viaggio raccontato dall’autore bestseller del 2017 nel suo sorprendente romanzo d’esordio.

5) Il mestiere dello scrittore – Haruki Murakami. Ho letto diversi libri sull’argomento e devo dire che quest’ultimo lavoro del Maestro è quello che mi ha dato gli spunti più utili e interessanti. Consigliassimo a chi crede, nonostante tutto, che la scrittura possa diventare davvero un mestiere.

6) Podissea – Stefano Rossini (leggi l’intervista). La storia surreale e divertentissima di un viaggio in barca lungo il Po (che Stefano ha realmente compiuto 10 anni fa), che a tratti mi ha ricordato certi romanzi di Paasilinna, ma anche American Gods di Gaiman. Amerete, anzi impazzirete per Salamino Sughino.

7) La signora del caviale – Michele Marziani (leggi l’intervista).  Un romanzo storico, ambientato lungo le rive del Po durante la seconda guerra mondiale. Ma anche un romanzo di formazione, emozionante come pochi. Per chi abbia letto gli altri libri di Michele, dico solo che mi è piaciuto più di Umberto Dei (e non credo sia necessario aggiungere altro).

8) Mexican Taxi – Francesco Spano (leggi l’intervista). Mescolate lo stile crudo e volgare dei racconti di Bukowsky, le atmosfere ambigue e depravate dei romanzi di Bolano, un pizzico di John Fante… e otterrete questa sorprendente e irriverente raccolta di racconti messicani.

9) Cent’anni di solitudine – Gabriel Garcia Marquez. Un capolavoro che chi ama i grandi romanzi non può non leggere. E quindi, visto che io i romanzi li amo parecchio, ho deciso di colmare questa lacuna. Credo sia superflua qualsiasi recensione.

10) Il giorno che incontrammo Roddy Doyle – Max O’Rover (leggi l’intervista). Una storia molto avvincente, anzi in realtà un intreccio di storie che girano intorno alla figura di un aspirante scrittore italiano che sogna di mollare tutto e andare a vivere in Irlanda, e che alla fine…

11) Il peso sul cuore – Amanda Melling (leggi l’intervista). Una bella storia d’amore, di una ragazza italiana verso un ragazzo irlandese, ma ancor prima verso l’Irlanda, e le tradizioni, le leggende e lo stile di vita del popolo irlandese. Un romanzo che descrive bene il concetto di “mal d’Irlanda”.

12) Il sogno del drago – Enrico Brizzi. Il racconto del Cammino di Santiago compiuto dall’autore, però molto diverso dai tanti libri scritti sul tema. Innanzitutto perché Brizzi non è partito dai Pirenei, ma da Torino. Ma soprattutto perché non è un viaggiatore che scrive, ma uno scrittore che viaggia. E la differenza si vede.

13) Boris e lo strano caso del maiale giallo – Manuela Iannetti (leggi l’intervista). I protagonisti di questi racconti sono, per usare le parole di Manuela, “persone che stanno ai margini di qualcosa”. Personaggi che sembrano usciti da un campionario di solitudine, disagio e precarietà, fotografati con un’intimità che restituisce la vera essenza di queste anime alla deriva.

14) Pane, marmellata e tè – Carla Casazza. Il titolo evoca un libro di ricette, o un romanzo rosa per signore. E invece questo libro non è nulla di tutto ciò. E’ un sorprendente e avvincente giallo in tre atti, dove pane, marmellata e tè diventano gli ingredienti principali di altrettanti casi che Beatrice, la giornalista d’inchiesta protagonista delle storie, è chiamata a risolvere.

15) Ti raggiungo in Pakistan – Roberta Marcaccio (leggi l’intervista). Il nuovissimo romanzo di Roberta è una storia d’amore, quello tra la protagonista Anna e i tanti uomini che si avvicendano nel suo cuore. Ma non è solo questo. E’ prima di tutto una storia d’amore per la scrittura.

Vi avevo promesso anche un libro “perfetto”. Ed eccolo qui, letteralmente:

Il libro perfetto – Massimo Lazzari (vai alla scheda del libro). Un viaggio nell’India del Nord fino a un monastero sperduto tra le vette dell’Himalaya alla ricerca del misterioso autore del libro perfetto. Il mio ultimo romanzo, pubblicato il 20 giugno da Antonio Tombolini Editore. Disponibile in ebook ovunque, a brevissimo anche in cartaceo.

Se ancora non avevate deciso cosa portarvi da leggere durante le ferie estive, adesso non avete più scuse.

Commenti disabilitati su 15 libri belli (e uno “perfetto”) che ho letto nel primo semestre 2017
© 2017 Massimo Lazzari